Agenda NocE20

Feb
18
Lun
2019
GIORNATA MONDIALE DELLA SINDROME DI ASPERGER
Feb 18 giorno intero

“Un pizzico di autismo è necessario per il successo nelle arti e nelle scienze”. Questo sosteneva Hans Asperger: pediatra austriaco, medico e professore di medicina, conosciuto per i suoi primi studi sui disturbi mentali, soprattutto nei bambini. Il suo lavoro è passato in gran parte inosservato durante la sua vita e i suoi studi sulle condizioni psicologiche hanno acquisito fama mondiale solo postumi.

Per la ricorrenza della nascita di Hans Asperger, il 18 Febbraio, è stata indetta la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger. E per capire di che cosa si tratta e saperne di più, la redazione di Barletta News ha intervistato lo psicologo cognitivo-comportamentale e presidente dell’associazione “Spazio Asperger Onlus” Davide Moscone.

Cosa significa essere “asperger”? E come si manifesta questa sindrome?

La Sindrome di Asperger è un´etichetta diagnostica che il DSM-IV ha introdotto per definire tutte quelle persone dotate di linguaggio formalmente corretto che, in assenza di ritardo cognitivo, presentano alcune caratteristiche dell´autismo. Le persone che si situano in questo punto del continuum autistico, presentano un insieme di peculiarità comportamentali che riguardano principalmente l´area sociale, sensoriale percettiva, attentiva e affettivo motivazionale. Di fatto nella prassi clinica si raggruppano, sotto questa definizione, un´ampia gamma di condizioni e di stili di funzionamento cognitivo, affettivo e sociale. Quindi non esistono due persone asperger uguali e le loro abilità possono spaziare dall’eccellenza in alcuni settori, come le arti grafiche, la musica o le scienze, con risultati a volte straordinari, a situazioni più deficitarie dove possono essere presenti difficoltà nella gestione autonoma di semplici attività di vita quotidiana. Si tratta di una condizione di variazione neurobiologica, che si manifesta in un determinato fenotipo comportamentale, con conseguenze in ambito sociale, affettivo e lavorativo.

Essere Asperger quindi significa percepire, provare, pensare ed agire in modo diverso dalle persone tipiche. Le persone Asperger presentano differenze significative nel modo in cui percepiscono il mondo, nella regolazione delle loro emozioni, negli interessi, nella motivazione, nella socializzazione e nel comportamento. Molte persone Asperger hanno un’intelligenza normale o superiore alla media e spesso hanno interessi specifici che possono trasformare in idee, passioni e anche lavori di successo. Al contempo mostrano difficoltà nel comprendere gli altri, i messaggi impliciti scambiati tra le persone e nel costruire e mantenere delle relazioni significative. Sono spesso ipersensibili da un punto di vista sensoriale e molti ambienti in cui potrebbero sentirsi parte della comunità diventano per loro devastanti perché troppo confusionari e chiassosi. Cosa significa quindi essere Asperger? Significa spesso sentirsi alieni al mondo sociale, fuori sincronia e questo spesso porta effetti duraturi nell’età adulta a causa dell’accumularsi di frustrazioni ed incomprensioni

Asperger e autismo: quale relazione intercorre e in cosa si differenziano?

La diagnosi di Sindrome di Asperger, così come era definita nel manuale diagnostico DSM-IV è stata trovata inconsistente e pertanto è stata eliminata. Tuttavia nel DSM-5 è consentito usare degli specificatori clinici per indicare eventuali sotto-gruppi dello Spettro Autistico e quindi ha ancora senso parlarne. Ciò che confonde, secondo il mio parere, non è tanto la Sindrome di Asperger (SA), quanto l’idea di Autismo ad Alto Funzionamento (HFA). Infatti così come è definita nel DSM-IV e nell’ICD-10, la SA è appunto HFA al netto del ritardo nel linguaggio. Tuttavia, dalla mia esperienza con i bambini e da quella di molti professionisti del settore, un bambino con Sindrome di Asperger risulta qualitativamente diverso da un bambino con autismo classico in alcune caratteristiche significative che non sono lo sviluppo precoce del linguaggio o la presenza di un numero quantitativamente minore di sintomi. Per molte persone Asperger l’ipersensibilità sensoriale è una delle principali difficoltà nella vita quotidiana, ma anche un possibile punto di forza. Molti bambini AS hanno interessi speciali, collezioni o argomenti che studiano con intenso interesse ad esclusione spesso di altre attività, ma che se incanalati nel giusto modo posso aprire le porte ad una professione futura. Nell’autismo classico spesso gli interessi sono per oggetti quotidiani, attività semplici o stimoli sensoriali. I bambini Asperger rispetto ai bambini con autismo classico hanno difficoltà specifiche nella reciprocità e la tendenza a tenere lunghi monologhi senza accorgersi dell’interesse o meno dell’altro, al contempo, hanno minori difficoltà nel riconoscimento delle emozioni base e cercano più frequentemente conforto, ma hanno più spesso problemi nella gestione delle emozioni e provano rabbia o desiderio di vendetta verso persone specifiche. Molte persone nell’autismo classico hanno difficoltà con emozioni complesse come la vergogna e l’orgoglio, molti Asperger hanno uno sviluppato senso dell’orgoglio, provano vergogna, anche se spesso fanno gaffé sociali. Molti Asperger sono altamente creativi e hanno un buon pensiero astratto, almeno in ambito non sociale. È difficile che abbiano stereotipie motorie evidenti come dondolarsi (da in piedi) o rigirare le mani o gli oggetti vicino agli occhi e la presenza di ecolalia, ma è più frequente la presenza di un tono di voce monotono, pedante, robotico o infantile e l’uso ripetitivo di frasi e citazioni da film, libri o pubblicità e cartoni animati. L’insistenza sulle routine, temi ripetitivi, perfezionismo, collezione di fatti su un argomento specifico, forti passioni per temi intellettuali e la presenza di abilità speciali, sono tutti fenomeni molto più frequenti negli Asperger. Mentre sia nell’autismo che nell’Asperger ci sono difficoltà ad affrontare i cambiamenti, solitamente i ragazzi Asperger si annoiano in compiti ripetitivi se relativi a settori intellettuali, a meno che non siano nella loro area di interesse. Da un punto di vista cognitivo è presente una forte tendenza alla sistematizzazione e attenzione per i dettagli accompagnata però a difficoltà nello spostamento dell’attenzione; nell’autismo è presente una difficoltà nell’ottenere la “coerenza centrale” unendo diversi stimoli locali per costruire un’immagine di insieme; nell’Asperger è una questione di preferenza di elaborazione locale piuttosto che un’incapacità a percepire la gestalt. In un certo senso possiamo dire che se la persona autistica ha difficoltà a dare un senso al mondo, la persona Asperger costruisce un mondo diverso e ha difficoltà nel condividerlo con gli altri. Nei test di “teoria della mente” molti ragazzi autistici hanno difficoltà a comprendere la mente degli altri, molti Asperger apprendono come farlo ma poi hanno difficoltà ad applicare quelle abilità nella vita di tutti i giorni e nell’imputare la volontarietà alle azioni (o in eccesso o in difetto). I bambini Asperger “appaiono normali”, non a caso la Sindrome di Asperger è stata più volte definita una “disabilità nascosta”, sono più facilmente definibili come strani o eccentrici, piuttosto che evidentemente disabili e questo, se può sembrare un vantaggio, facilmente diventa un fardello che porta al bullismo. Inoltre i bambini ad alto potenziale cognitivo che spesso sono anche Asperger, sviluppano una particolare forma di adattamento all’ambiente che Tony Attwood definisce “camaleontismo sociale”, grazie al quale imparano ad imitare gli altri, a non dire quello che pensano e fondamentalmente ad adeguarsi passivamente alle aspettative e alle richieste degli altri. Il caso tipico di questa modalità sono le bambine che osservano e studiano il comportamento degli altri e cercano di imitarlo per apparire “normali”. Sono consapevoli di essere diverse, senza conoscerne il motivo, ma sanno che per essere accettate dal gruppo devono copiare il comportamento degli altri, finendo per non sapere cosa vogliono, cosa piace loro e chi sono, come fossero sempre su un palcoscenico. Come un camaleonte passivamente prende il colore dell’ambiente circostante, così queste persone Asperger, inconsapevolmente, adeguano il proprio essere alle aspettative che di volta in volta i vari contesti sociali richiedono loro. Questo particolare sotto gruppo di persone Asperger viene raramente individuato precocemente e spesso, solo dopo l’adolescenza o nell’età adulta, alcuni arrivano all’autodiagnosi. Oppure a volte può capitare che qualche clinico (psicologo o psichiatra) che ha una visione meno stereotipata dell’autismo, prendendo in carico la persona Asperger per le comorbidità che ha sviluppato, come ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo, disturbi della condotta alimentare, ecc. possa riconoscerne i tratti a spie. Il bambino Asperger può muoversi nello spazio personale degli altri, senza aver riconosciuto il linguaggio non verbale di disapprovazione, o avendolo riconosciuto, senza comprendere le motivazioni dello stesso. Le regole non scritte della società possono essere difficili da comprendere, soprattutto in un mondo veloce e mutevole come quello attuale. Un ragazzo che ha scarse capacità interpersonale e non riesce a decifrare i codici sociali, facilmente farà perdere la pazienza ad insegnanti e compagni e verrà “escluso dal gruppo”, aumentando ulteriormente il divario. È stato detto che mentre il bambino autistico vive nel proprio mondo, il bambino Asperger vive in un suo mondo che è all’interno del nostro. Mancando sia la capacità di fondersi con gli altri che una visibile disabilità che potrebbe essere recepita come un segnale per la comprensione, questo bambino è veramente solo. Non esistono strumenti diagnostici che possono dare la certezza. Esistono molti test disponibili che possono supportare la diagnosi ed è sempre importante verificare l’eventuale presenza di disturbi dell’apprendimento, iperattività o altre condizioni frequentemente associate. Il giudizio clinico si forma sulla base dei test, dell’osservazione e dell’intervista con genitori ed eventualmente insegnanti.

Feb
19
Mar
2019
APRÈS SKI MAU
Feb 19@13:23–14:23

Sciare tutto il giorno su piste fantastiche, godersi il magnifico panorama delle Dolomiti di Brenta… questi sono solo alcuni degli ingredienti che rendono indimenticabile la tua vacanza nella Skiarea Folgarida Marilleva. Da non perdere inoltre è l’APRÈS SKI in quota a 1.855 m in località Malghet Aut. Ogni martedì e giovedì potrai prolungare la tua giornata sugli sci, socializzare e lasciarti andare con drink, musica, balli e tanto divertimento prima del rientro in totale sicurezza con la Cabinovia Belvedere di Folgarida che, grazie al suo nuovo impianto di illuminazione, rimane in esercizio fino alle 19.30 per consentire la suggestiva discesa a Folgarida. Ogni giovedì sera i ristoranti al Malghet Aut sono il posto ideale per CENE TIPICHE IN QUOTA al cospetto delle maestose Dolomiti di Brenta grazie al rientro possibile dalle 22.15 alle 22.45 con la Cabinovia Folgarida Belvedere che per l’occasione viene riaperta anche in notturna. Non perdere l’appuntamento con SNOWALE «RIFUGI IN FERMENTO».

ORARIO FINO A FINE STAGIONE

•  ogni martedì con orario continuato dalle 8.30 alle 19.30
•  ogni giovedì con orario continuato dalle 8.30 alle 19.30 e rientro serale dalle 22.15 alle 22.45

TARIFFE TELECABINA BELVEDERE

€ 6,00 salita e discesa a partire dalle 15.30
€ 6,00 corsa di sola discesa dalle 22.15 alle 22.45
per i possessori di skipass in corso di validità l’utilizzo dell’impianto è incluso nello skipass fino alle ore 19.30 (è esclusa la corsa di rientro delle 22.15)


Il silenzio del bosco di notte in Val di Peio @ Parco Nazionale dello Stelvio
Feb 19@20:57–21:57

NEL SILENZIO DEL BOSCO, LENTAMENTE… Scopri la magia del Parco partecipando alle escursioni a piedi

Camminare nel silenzio dei boschi con le racchette ai piedi, scivolare su un manto nevoso perfetto, scoprire le tracce degli animali che si muovono alla ricerca di cibo: la stagione invernale permette di vivere esperienze particolari che la peculiarità tipica di un’area protetta trasforma in emozioni uniche. L’accompagnamento è curato dalle Guide Alpine che hanno conseguito il diploma «GUIDA PARCO»: professionisti che conoscono, amano, vivono la montagna con passione e conducono in sicurezza lungo i sentieri che si sviluppano nella bellissima Val di Peio.

IN CASO DI SCARSO INNEVAMENTO tutte le passeggiate verranno effettuate senza l’ausilio delle racchette da neve.

OGNI MARTEDÌ SERA IN VAL DI PEIO DALLE 21.00 ALLE 23.00
attività a pagamento (compreso noleggio attrezzatura)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro le ore 17.00 del giorno precedente presso
PUNTO INFORMATIVO PARCO – Tel. 0463 909773

 

ATTREZZATURA CONSIGLIATA
giacca a vento, guanti, berretto, scarponcini da montagna o scarpe invernali pesanti (non moon-boots)
racchette da neve, bastoncini e pile frontali forniti direttamente dal Parco

PUNTO DI RITROVO
PEIO FONTI piazzale partenza Telecabina
il punto di ritrovo può variare in base alle condizione meteorologiche e viene comunicato al momento dell’iscrizione

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 10,00
quota a persona comprensiva di noleggio attrezzatura
sconto 50% per ragazzi fino a 12 anni non compiuti accompagnati da un adulto

NOTE PER I PARTECIPANTI

  • gli itinerari verranno stabiliti di volta in volta in relazione all’innevamento e alle condizioni meteorologiche
  • le escursioni non presentano difficoltà tecniche, ma richiedono un minimo di attitudine alle gite in montagna
  • per gruppi precostituiti è possibile organizzare escursioni in altre giornate
  • iscrizioni obbligatorie entro le ore 17.00 del giorno precedente presso il Punto Informativo a Cogolo
  • in caso di maltempo l’escursione potrà essere annullata
  • il programma può subire delle variazioni
  • presso il Punto Informativo a Cogolo è possibile noleggiare gratuitamente lo zaino per trasportare i bambini durante le escursioni alla scoperta del Parco. Richiedi informazioni, cauzione € 10,00
  • si declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone o cose, che dovessero verificarsi prima, durante e dopo lo svolgimento dell’escursione

 

Feb
20
Mer
2019
GIORNATA MONDIALE DELLA GIUSTIZIA SOCIALE
Feb 20@0:15–23:45
Oggi, 20 febbraio, le Nazioni Unite celebrano la Giornata Mondiale della Giustizia Sociale. Istituita nel 2007, da dieci anni la ricorrenza ha come obiettivo quello di rivolgere l’attenzione della comunità internazionale verso la riduzione delle disuguaglianze sociali, la promozione dell’uguaglianza di genere e dei diritti dei popoli indigeni e dei migranti, in modo da costruire delle società basate sulla piena occupazione e sull’accesso al benessere sociale per tutti. Il messaggio chiave è che la giustizia sociale si ottiene rimuovendo tutte le barriere di genere, età, razza, etnia, religione e cultura. La celebrazione di questa Giornata pone l’accento su varie tematiche del G7, visto che tra le priorità della Presidenza italiana spiccano molti dei temi sui quali oggi si pone l’attenzione. Un focus particolare sarà infatti rivolto al fenomeno della mobilità umana, con l’obiettivo di gestire in modo ordinato e sicuro il flusso dei migranti, e sull’applicazione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, con l’impegno a garantire l’uguaglianza di genere e la riduzione di tutte le disuguaglianze, non solo di reddito o ricchezza. Nell’ambito delle iniziative organizzate per dare risalto alle tematiche della Giornata Mondiale della Giustizia Sociale, domani si terrà presso la sede delle Nazioni Unite di New York la Conferenza internazionale “Prevenzione dei conflitti e sostegno alla pace attraverso il lavoro dignitoso”, con l’obiettivo di enfatizzare il ruolo della giustizia sociale nella prevenzione e gestione delle crisi internazionali.
Fun kids @ Passo Tonale tapis roulant Tubbo
Feb 20@20:07–21:07
????????????????????????????????????

Una serata dedicata ai bambini con MUSICA E ANIMAZIONE, contest Disney, simpatiche gare di sci, truccabimbi, cioccolata calda e frittelle, baby fiaccolata con i maestri alla quale tutti i bambini possono partecipare! Cosa aspetti? Con le serate Fun Kids i più piccoli possono trascorrere momenti in allegria sulla neve insieme ad altri bambini. ORGANIZZA Scuola Italiana Sci Tonale Presena

Il silenzio del bosco di notte in val di Rabbi @ Parco Nazionale dello Stelvio
Feb 20@21:03–22:03

NEL SILENZIO DEL BOSCO, LENTAMENTE… Scopri la magia del Parco partecipando alle escursioni a piedi

Camminare nel silenzio dei boschi con le racchette ai piedi, scivolare su un manto nevoso perfetto, scoprire le tracce degli animali che si muovono alla ricerca di cibo: la stagione invernale permette di vivere esperienze particolari che la peculiarità tipica di un’area protetta trasforma in emozioni uniche. L’accompagnamento è curato dalle Guide Alpine che hanno conseguito il diploma «GUIDA PARCO»: professionisti che conoscono, amano, vivono la montagna con passione e conducono in sicurezza lungo i sentieri che si sviluppano nella bellissima Val di Peio.

IN CASO DI SCARSO INNEVAMENTO tutte le passeggiate verranno effettuate senza l’ausilio delle racchette da neve.

OGNI MERCOLEDÌ SERA IN VAL DI RABBI DALLE 21.00 ALLE 23.00
attività a pagamento (compreso noleggio attrezzatura)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro le ore 17.00 del giorno precedente presso
CENTRO VISITATORI PARCO – Tel. 0463 9097734

 

ATTREZZATURA CONSIGLIATA
giacca a vento, guanti, berretto, scarponcini da montagna o scarpe invernali pesanti (non moon-boots)
racchette da neve, bastoncini e pile frontali forniti direttamente dal Parco

PUNTO DI RITROVO
RABBI FONTI Centro Visitatori Parco
il punto di ritrovo può variare in base alle condizione meteorologiche e viene comunicato al momento dell’iscrizione

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 10,00
quota a persona comprensiva noleggio attrezzatura
sconto 50% per ragazzi fino a 12 anni non compiuti accompagnati da un adulto

NOTE PER I PARTECIPANTI

  • gli itinerari verranno stabiliti di volta in volta in relazione all’innevamento e alle condizioni meteorologiche
  • le escursioni non presentano difficoltà tecniche, ma richiedono un minimo di attitudine alle gite in montagna
  • per gruppi precostituiti è possibile organizzare escursioni in altre giornate
  • iscrizioni obbligatorie entro le ore 17.00 del giorno precedente presso il Centro Visitatori Parco a Rabbi
  • in caso di maltempo l’escursione potrà essere annullata
  • il programma può subire delle variazioni
  • presso il Centro Visitatori Parco a Rabbi è possibile noleggiare gratuitamente lo zaino per trasportare i bambini durante le escursioni alla scoperta del Parco. Richiedi informazioni, cauzione € 10,00
  • si declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone o cose, che dovessero verificarsi prima, durante e dopo lo svolgimento dell’escursione
Feb
21
Gio
2019
Ski Eat
Feb 21@13:12–14:12

NEVE E BUON CIBO

UN CONNUBIO IDEALE PER LA STAGIONE INVERNALE
Vuoi imparare a sciare o a perfezionare la tua tecnica magari assaggiando il meglio dell’enogastronomia locale? Ecco la proposta che fa per te: uno vero e proprio «gourmet snowtour» con 6 ore di sci in compagnia di un esperto maestro, pranzo degustazione presso lo CHALET FIAT a Madonna di Campiglio, merenda con bevande calde e dolci con prodotti tipici della tradizione trentina presso il RIFUGIO SOLANDER a Commezzadura.

TUTTI I GIOVEDÌ ORE 10.00 con partenza dalla Scuola Italiana Sci Val di Sole
ritrovo ore 9.50 alla stazione a monte della Telecabina Daolasa Val Mastellina

ATTIVITÀ A PAGAMENTO € 80,00
tour garantito con un minimo di 5 partecipanti

 

APRÈS SKI MAU
Feb 21@13:23–14:23

Sciare tutto il giorno su piste fantastiche, godersi il magnifico panorama delle Dolomiti di Brenta… questi sono solo alcuni degli ingredienti che rendono indimenticabile la tua vacanza nella Skiarea Folgarida Marilleva. Da non perdere inoltre è l’APRÈS SKI in quota a 1.855 m in località Malghet Aut. Ogni martedì e giovedì potrai prolungare la tua giornata sugli sci, socializzare e lasciarti andare con drink, musica, balli e tanto divertimento prima del rientro in totale sicurezza con la Cabinovia Belvedere di Folgarida che, grazie al suo nuovo impianto di illuminazione, rimane in esercizio fino alle 19.30 per consentire la suggestiva discesa a Folgarida. Ogni giovedì sera i ristoranti al Malghet Aut sono il posto ideale per CENE TIPICHE IN QUOTA al cospetto delle maestose Dolomiti di Brenta grazie al rientro possibile dalle 22.15 alle 22.45 con la Cabinovia Folgarida Belvedere che per l’occasione viene riaperta anche in notturna. Non perdere l’appuntamento con SNOWALE «RIFUGI IN FERMENTO».

ORARIO FINO A FINE STAGIONE

•  ogni martedì con orario continuato dalle 8.30 alle 19.30
•  ogni giovedì con orario continuato dalle 8.30 alle 19.30 e rientro serale dalle 22.15 alle 22.45

TARIFFE TELECABINA BELVEDERE

€ 6,00 salita e discesa a partire dalle 15.30
€ 6,00 corsa di sola discesa dalle 22.15 alle 22.45
per i possessori di skipass in corso di validità l’utilizzo dell’impianto è incluso nello skipass fino alle ore 19.30 (è esclusa la corsa di rientro delle 22.15)


Ice music @ ghiacciaio Presena
Feb 21@19:12–20:12

Un anfiteatro di ghiaccio, una straordinaria realizzazione, l’idea dell’artista americano TIM LINHART che diventa realtà: un teatro di ghiaccio con 200 posti a sedere. Un teatro dalle linee curve e avvolgenti, un ambiente magico, con i riflessi delle luci, l’acustica dei suoni, in un clima particolare. La vera grande attrazione sono gli strumenti. Di ghiaccio, anche quelli. Sembra impossibile poter costruire con il ghiaccio strumenti che suonano perfettamente, con una sonorità tutta da scoprire, capaci di restituire le emozioni che solo i grandi musicisti sanno regalare. 16 STRUMENTI DI GHIACCIO, un’orchestra a tutti gli effetti: è la sfida vinta da Tim Linhart, una storia che è arrivata in tutto il mondo. Strumenti del freddo per una musica che riscalda ed emoziona. Un nutritissimo calendario di concerti dalla musica classica al jazz, interpretati da artisti di fama internazionale rigorosamente attraverso gli strumenti di ghiaccio dell’artista americano Tim Linhart. L’originale struttura è visibile dal prossimo Capodanno a fine marzo. I concerti sono fruibili da sciatori e non, perché l’igloo è raggiungibile comodamente con la modernissima cabinovia che parte da Passo Tonale. Ogni settimana sono previsti quattro concerti: il giovedì alle 15.00 e alle 16.30, il sabato alle 16.00 e alle 18.00.

I concerti del giovedì: 

Piccola Orchestra Lumiere Ice Music

ICE MUSIC ORCHESTRA ORE 15.00 E 16.30

L’Ice Music Orchestra formata dai musicisti della «Piccola Orchestra Lumière», presenterà un programma da brivido, attraverso i grandi temi della musica classica da Vivaldi a Cajkovskij, con incursioni nella musica popolare ed alcuni brani inediti ed originali, appositamente creati per l’Ice Music Festival. Ecco i componenti dell’orchestra: Priyanka Ravanelli (ice-violin), Luca Martini (ice-viola), Nicola Segatta (ice-cello), Nicola Ziliani (ice-double bass), Camilla Finardi(ice-mandolin), Olmo Chittò (ice-percussions).

La «PICCOLA ORCHESTRA LUMIÈRE» ha al suo attivo numerosi concerti in Italia ed all’estero, tra cui: il Konzerthaus di Vienna, l’Università Luiss di Roma in occasione della laurea honoris causa di Mario Draghi, la CBS di Shanghai (con un servizio sull’attività artistica dell’ensemble), la Filarmonica di Trento (come orchestra residente), il Festival dell’Economia di Trento, il Festival Bolsko Lito in Croazia. L’ensemble ha inciso il disco «Shakespeare for dreamers» edito da Squilibri Editore, con musiche originali di Nicola Segatta, suo compositore e membro, con i violoncellisti Giovanni Sollima e Monika Leskovar.

 

 

 

 

I concerti del sabato:

OGNI SABATO ORE 16.00 E 18.00

Dal jazz, al pop, dal rock alla musica: la musica del ghiaccio non conosce confini! Generi diversi scalderanno gli orecchi e i cuori degli spettatori. Un appuntamento fisso per 15 weekend, dal 5 gennaio al 30 marzo, un percorso tutto da vivere con alcuni tra i nomi più interessanti del panorama musicale italiano e internazionale. Ai concerti del sabato si aggiungono due concerti domenicali.

The Bastard Sons of Dioniso Ice Musicsabato 5 GENNAIO 2019

THE BASTARD SONS
OF DIONISO

La rock band trentina diventata
popolare a X-Factor

Loris Vescovo Ice Musicsabato 12 GENNAIO 2019

LORIS VESCOVO

Raffinato cantautore friulano vincitore
della targa Tenco 2014

Mirko Pedrotti Ice Music

sabato 19 GENNAIO 2019

MIRKO PEDROTTI

Vibrafonista trentino, musicista
eclettico tra classico e moderno

Alborada String Quartet Ice Musicsabato 26 GENNAIO 2019

ALBORADA STRING QUARTET

Un quartetto d’archi raffinato,
tra musica barocca e Novecento

Cristina Donà Ice Music

sabato 2 FEBBRAIO 2019

CRISTINA DONÀ &
ICE MUSIC TRIO

Cantante e autrice rock, raffinata
e di grande impatto emotivo

Pasquale Mirra Ice Musicsabato 9 FEBBRAIO 2019

PASQUALE MIRRA &
ICE MUSIC TRIO

Uno dei vibrafonisti e compositori più
interessanti del jazz italiano e internazionale

Karinna Kagawa Ice Music

domenica 10 FEBBRAIO 2019

MAGNETIC STRING

Sodalizio artistico di strumenti a corda
tra Italia e Giappone. Vera World music!

Patrizia Laquidara Ice Musicsabato 16 FEBBRAIO 2019

PATRIZIA LAQUIDARA

Cantante e autrice siciliana,
poliedrica e brillante

Emanuele Lapiana Ice Music

sabato 23 FEBBRAIO 2019

EMANUELE LAPIANA QUARTET

Conosciuto anche come N.A.N.O., voce
originale del mondo indie-pop- rock italiano

Roberto Taufic Ice Musicsabato 2 MARZO 2019

ROBERTO TAUFIC &
ICE MUSIC TRIO

Dal Brasile il talento di un grande
chitarrista e compositore

Radiottanta Ice Music

sabato 9 MARZO 2019

RADIOTTANTA

Tutta la magia degli anni ’80 con
la più amata cover band italiana

Rolando Biscuola Ice Musicsabato 16 MARZO 2019

ROLANDO BISCUOLA &
ICE MUSIC TRIO

Virtuoso meranese delle sei corde, uno dei più conosciuti interpreti del fingerstyle

 

 

Naomi Berrill Ice Musicdomenica 17 MARZO 2019

NAOMI BERRILL TRIO

Violoncellista irlandese di
fama internazionale

Albert Hera Ice Musicsabato 23 MARZO 2019

ALBERT HERA &
ICE MUSIC TRIO

Straordinario cantante jazz contemporaneo specializzato nel Circle-Singing

Giovanni Sollima Ice Music

sabato 30 MARZO 2019

ICE MUSIC PARTY

Kermesse musicali con i protagonisti dell’ICE MUSIC Festival
Special Guest il violoncellista e compositore siciliano GIOVANNI SOLLIMA

Costi
20 € biglietto concerto
30 € biglietto concerto
+ A/R impianto di risalita
50 € biglietto concerto
+ cena in quota
60 € biglietto concerto
+ A/R impianto di risalita
+ cena in quota
Orari concerti
giovedì alle 15 e alle 16.30
sabato alle 16 e alle 18
Orari impianti di risalita
Giovedì ultima discesa 17.50
Sabato ultima discesa 19.20
Per cena in quota: discesa 21.50. Nel nostro rifugio d’alta quota Passo Paradiso anche il livello della cucina è alto, esattamente 2585 mt. Nell’accogliente sala dalla calda atmosfera, con vista sul Ghiacciaio, potrete assaporare alcune delle specialità locali. Dall’incontro tra la Lombardia ed il Trentino nasce una ricchezza di sapori unica, espressione di un territorio dal carattere deciso. Le ricette della tradizione, talvolta riviste in chiave moderna, sono in grado di soddisfare chi è alla ricerca di sapori autentici e genuini. Lasciatevi sorprendere dall’Ice Music menu, che lo chef ha creato appositamente per questo speciale evento.

 

 

Il bosco d’inverno in Val di Peio @ Parco Nazionale dello Stelvio
Feb 21@21:07–22:07

NEL SILENZIO DEL BOSCO, LENTAMENTE… Scopri la magia del Parco partecipando alle escursioni a piedi

Camminare nel silenzio dei boschi con le racchette ai piedi, scivolare su un manto nevoso perfetto, scoprire le tracce degli animali che si muovono alla ricerca di cibo: la stagione invernale permette di vivere esperienze particolari che la peculiarità tipica di un’area protetta trasforma in emozioni uniche. L’accompagnamento è curato dalle Guide Alpine che hanno conseguito il diploma «GUIDA PARCO»: professionisti che conoscono, amano, vivono la montagna con passione e conducono in sicurezza lungo i sentieri che si sviluppano nella bellissima Val di Peio.

IN CASO DI SCARSO INNEVAMENTO tutte le passeggiate verranno effettuate senza l’ausilio delle racchette da neve.

OGNI GIOVEDÌ POMERIGGIO IN VAL DI PEIO DALLE 14.30 ALLE 17.30
attività a pagamento (compreso noleggio attrezzatura)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro le ore 17.00 del giorno precedente presso
PUNTO INFORMATIVO PARCO – Tel. 0463 909773

 

ATTREZZATURA CONSIGLIATA
giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponcini da montagna o scarpe invernali pesanti (non moon-boots)
racchette da neve e bastoncini forniti direttamente dal Parco

PUNTO DI RITROVO
PEIO PAESE parcheggio fermata autobus
il punto di ritovo può variare in base alle condizione meteorologiche e viene comunicato al momento dell’iscrizione

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 10,00
quota a persona comprensiva di noleggio attrezzatura
sconto 50% per ragazzi fino a 12 anni non compiuti accompagnati da un adulto

NOTE PER I PARTECIPANTI

  • gli itinerari verranno stabiliti di volta in volta in relazione all’innevamento e alle condizioni meteorologiche
  • le escursioni non presentano difficoltà tecniche, ma richiedono un minimo di attitudine alle gite in montagna
  • per gruppi precostituiti è possibile organizzare escursioni in altre giornate
  • iscrizioni obbligatorie entro le ore 17.00 del giorno precedente presso il Punto Informativo a Cogolo
  • in caso di maltempo l’escursione potrà essere annullata
  • il programma può subire delle variazioni
  • presso il Punto Informativo a Cogolo è possibile noleggiare gratuitamente lo zaino per trasportare i bambini durante le escursioni alla scoperta del Parco. Richiedi informazioni, cauzione € 10,00
  • si declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone o cose, che dovessero verificarsi prima, durante e dopo lo svolgimento dell’escursione