CANOE RAFTING

download (2)

Definire chi abbia inventato il kayak è pressoché impossibile, in alcune tombe dei sumeri furono ritrovate imbarcazioni realizzate in fibra vegetale e simili alle canoe odierne. Di certo il Kayak era originariamente un tipo di canoa usato dagli Inuit (popolo Eschimese), per i loro spostamenti e per andare a caccia, nelle acque gelide della Groenlandia e Alaska. Queste “imbarcazioni” erano costruite con materiali facilmente reperibili in natura, il legno e le pelli di animali. La loro caratteristica, era che in caso di capovolgimento in acqua, riprendevano la posizione iniziale senza uscire dal “pozzetto” (le persone non potevano restare a lungo nel mare gelido). Rispetto ai tempi passati la tecnica costruttiva ha fatto notevoli passi in avanti. Ora sono impiegati carbonio, vibra di vetro, polietilene e altri materiali compositi. Anche il design dei Kayak a “subito” notevoli cambiamenti in funzione dell’uso fatto da queste imbarcazioni, è comparso il paraspruzzi, comparti stagni, timoni ribaltabili (nei modelli da mare) ecc. Il Kayak si differenzia dalla canoa “canadese” per l’uso di una pagaia a doppia pala, mentre nella canoa, la propulsione all’imbarcazione è data da una singola pagaia. Oltre alla tipologia della pagaia, singola per la canoa, differisce anche da quest’ultima per essere completamente coperta, fatta eccezione per il pozzetto dove occupa il posto la persona.

Come per tutte le imbarcazioni, anche per i Kayak vale il principio che più sono larghi e maggiore è la loro stabilità, questo tipo è l’ideale per i principianti di questa disciplina. I Kayak a profilo di “V” o tonde sono meno stabili della precedente, ma sono le preferite dagli esperti, in condizioni d’acqua molto mossa. Gli scafi che presentano un fondo piatto con alti fianchi, sembrano offrire una buona stabilità, si destreggiano bene in acque agitate, ma vi è un maggior attrito all’acqua, e sono più difficili da raddrizzare in caso di ribaltamento.

I Kayak moderni sono costruiti in vari materiali, dalla fibra di vetro al kevlar, oppure impiegando materiali più ricercati come la fibra di carbonio. I Kayak realizzati in carbonio sono molto leggeri ma questo va a discapito durabilità, quelli costruiti in plastica, anche se più pesanti, sono maggiormente resistenti agli urti e maltrattamenti in genere. La plastica presenta il difetto che in caso di rottura di parti dello scafo, può essere riparato solo con delicate saldature eseguite da esperti. Al contrario la fibra di vetro si ripara facilmente, alcuni Kayak sono ancora realizzati in legno e tessuto da nostalgici appassionati che se lì costruiscono.

Il kayak e la canoa offrono un’esperienza unica e varia, che spazia da una tranquilla e affascinante pagaiata in acque piatte fino a sperimentare – per i più temerari – le rapide del Noce.

Accompagnati dalla guide potrete provare questo sport che progressivamente sta conquistando sempre più popolarità nel mondo. Il kayak e la canoa offrono un’esperienza unica e varia, che spazia da una tranquilla e affascinante pagaiata in acque piatte fino a sperimentare – per i più temerari – le rapide del Noce. Attenzione: il Noce è un fiume molto tecnico per il kayak, pertanto si sconsigliano discese ai principianti. L’attrezzatura NON è fornita durante i corsi.. I corsi sono dedicati a chi è seriamente intenzionato a intraprendere questo sport o a chi vuole perfezionare la sua tecnica. Il kayak, al di là del fatto che sia divertente e adrenalinico, è anche uno sport che richiede molta pratica, molto impegno e molta pazienza. A chi mancasse uno di questi elementi, o a chi volesse semplicemente provare una discesa in fiume senza doversi impegnare troppo economicamente né in costanza di allenamento, proponiamo il DUCKY .images Il Ducky o Open kayak, permette anche ai principianti di affrontare il fiume in maniera sorprendentemente emozionante. L’open kayak è un incrocio fra il kayak ed il rafting: è un kayak pneumatico (gonfiabile) e permette a chiunque sappia nuotare di affrontare il fiume come se fosse su di un kayak, mantenendo tuttavia stabilità e sicurezza. Questa attività è una valida alternativa sia per chi vuole avventurarsi per la prima volta in fiume, sia per chi, veterano del rafting, cerca un’emozione diversa e intensa.

download (3)

La parola “rafting” deriva dall’Inglese (to raft) che significa navigare su di una zattera. É una disciplina sportiva che consiste nel discendere i fiumi a bordo di un gommone inaffondabile, tra paesaggi incantevoli e adrenalina per chi ricerca forti emozioni. L’equipaggio è composto di un numero di persone variabili da quattro a otto, queste governano il gommone per mezzo di pagaie. Il Rafting è anche definito uno sport estremo, ma sempre più persone si avvicinano a questa disciplina, che può essere praticata da chiunque sappia nuotare, bene inteso accompagnati da una guida esperta che impartisce gli ordini all’equipaggio. I partecipanti alle “escursioni” riescono a mantenere la posizione dentro il gommone, tramite i piedi infilati in apposite asole sul fondo della zattera. Nella discesa su cascate con forti sobbalzi ci si può tenere stretti a corde sistemate sui fianchi del gommone.  Rafting sul Fiume Noce in Val di Sole: con i suoi 28 km navigabili, il Noce è un torrente che con  il suo caratteristico percorso di torrente montano, offre suggestivi scorci della Val di Sole ed emozioni a volontà. E’tra i più suggestivi ed entusiasmanti percorsi di rafting e canoa del  Trentino, Italia e in tutta Europa. Più volte scenario di importanti gare come i Campionati Europei di Rafting o i Mondiali di Kayak, vanta il nono posto della classica dei fiumi più belli del Mondo per fare rafting, stilata dal National Geographic nel 2013.

Prima delle discese sarà sempre effettuato un breve corso dove verrai istruito sulle posizioni corrette e procedure di sicurezza per una navigazione efficiente.

Il rafting è uno sport che, praticato a livello turistico, può essere svolto da tutte le persone che hanno dai 6 anni in su, che non abbiano particolari problemi fisici che gli impediscano i movimenti ed un peso corporeo inferiore ai 105 kg. Non c’è bisogno di avere alcun tipo di esperienza precedente per fare rafting, in quanto le guide prima di imbarcare daranno tutte le istruzioni necessarie a svolgere attivamente ed in sicurezza l’attività. Non occorre nemmeno avere una particolare preparazione fisica, se non una corporatura che permetta di svolgere tutti i movimenti necessari senza impedimenti.