Rimini -Il Trentino lascia il segno nel piatto.

Gentili amici buonasera.

Abbiamo aspettato a dare un seguito alle news di ieri per essere più precisi e per avere maggiori info dall’evento svoltosi ieri a Rimini durante la 4° edizione dei Campionati della Cucina Italiana
dal 16 al 19 febbraio 2019, all’interno della manifestazione “Beer Attraction”, sezione “Food Attraction”, presso Rimini Expo Centre Italy. Ma facciamo un passo indietro e partiamo dall’inizio della stupenda storia nata con le selezioni di Riva del Garda del 4 Febbraio scorso [vedi articolo]. Per chi si è distratto ricordiamo che presso  l’Expo Riva Hotel nello stand della Federazione Italiana Cuochi con il patrocinio di Massimo Paternoster del Dipartimento Solidarietà Emergenze “insieme a Voi e  l’Associazione Provinciale Cuochi Trentino , ed il team di lavoro Angeli MilenaMelis Daniele, Mora Maurizio, Paternoster Massimo, Pezzani Roberta, Carmen Cavuoto, si è svolto un contest culinario per ragazzi diversamente abili da cui è stato poi selezionato un rappresentante per le gare di Rimini. Ci piace ricordare che a quella manifestazione sono stati invitati l’assessore Mirko Bisesti, il consigliere Ivano Job,presenti alla premiazione, e i consiglieri  Claudio Cia e Alessia Ambrosi che pur non avendo potuto partecipare per pregressi impegni, hanno inviato i loro complimenti a tutti i partecipanti e agli organizzatori dell’evento. Ma passiamo alle ultime 72 ore. Già giovedì era palpabile la fibrillazione dei componenti del nostro gruppo di lavoro, (che a breve battezzeremo con nome e logo) recatosi presso gli uffici di GSH dal Presidente Michele Covi, per ringraziarlo della gentile disponibilità, e per rinnovare alcuni accordi di collaborazione per il futuro. Sabato levata mattutina stile militare perché la strada per Rimini non è proprio una gitarella fuori porta, e poi la mattina e parte del primo pomeriggio passati, sotto la ottima supervisione della educatrice Marianna Gabrielli e dello chef Daniele Melis a ripassare il menu, a controllare gli ingredienti e i particolari, perché tutto sia semplicemente ordinato, e pronto alla competizione. Alle 15.00 circa il via alla competizione del nostro Gabriel Boutiuc, che si è cimentato nella creazione di un tipico piatto freddo autoctono, Tartare di carne salada con cappello di cavolo cappuccio, mele e noci del Bleggio, accompagnato da “Tortei de Patate” alla Trentina. Calmo e sicuro di se Gabriel ha padroneggiato la scena quasi come se li fosse di casa, preparando le otto porzioni del piatto come richiesto dal regolamento. La dedizione l’impegno e la concentrazione di questo ragazzo sono sicuramente state sopra le più rosee aspettative come lo è stato il verdetto finale che verso le 18.30 lo ha proclamato secondo classificato tra tutte le regioni Italiane partecipanti. Chi era al suo fianco ci ha descritto la gioia lo stupore l’entusiasmo di Gabriel che nella sua semplicità è riuscito per l’ennesima volta a regalare a tutti noi momenti di pura emozione. Interpellato al Telefono Massimo Paternoster, evidentemente emozionato ci ha confermato la volontà di perseguire questo cammino, cammino sicuramente pieno di soddisfazioni per tutti coloro che ne hanno permesso la realizzazione. Onori al merito per il Vincitore assoluto come miglior allievo delle scuole alberghiere di Italia, Matteo Delvai, giovane allievo dell’Enaip di Tione, che ha sbaragliato la concorrenza con un piatto formato da lombetto di coniglio arrostito, cavolo navone, crosny, broccolo di Torbole, perfetto di fegatini, e la sua salsa.

Si ringraziano Massimo Paternoster, Daniele Melis, Marianna Gabrielli, Ivano Dossi, Rocco, Pozzullo, Giorgio Nardelli, Michele Covi, Roberta Pezzani, ma sopratutto Gabriel Boutiuc.