RAPANELLI

download (19)Descrizione: È una pianta erbacea annuale di origine asiatica, con ciclo molto breve (25-35 giorni), che in genere viene coltivata per le radici. Ne esistono numerose varietà selezionate, di precocità diversa e di forma variabile (globosa, sferica o allungata) e di colore dal bianco al rosso porpora. Viene prodotto sia negli orti che in serra.

Tipi di terreno: Il ravanello cresce meglio in terreni sciolti, ricchi di humus, tendenzialmente umidi e freschi. Viene facilmente danneggiato da siccità ed eccessiva insolazione, specialmente quando le piantine sono ancora piccole. Il suolo in superficie deve essere ben lavorato e sminuzzato, fine e leggero. In condizioni ottimali, le radici crescono rapidamente e diventano tenere e gustose, mentre in terreni aridi e compatti le piante fioriscono anticipatamente, e le radici assumono un sapore piccante.

Semina: All’aperto si semina a spaglio in maniera scalare, in genere ogni 15 giorni a partire da marzo fino a giugno, anche se in serra la coltivazione avviene tutto l’anno. Seminando in estate si deve preferire un luogo semi-ombreggiato e fresco, da irrigare regolarmente. Una tecnica consiste nel fare con un rastrello una serie di piccoli solchi profondi 1-2 cm, in cui far cadere i semi ben distanziati. Una lieve annaffiatura sarà sufficiente per interrarli. Le piantine possono essere diradate successivamente, in modo da garantire una distanza di 2-3 cm. La semina va preferibilmente effettuata con luna calante.

Concimazione: È preferibile non usare concime organico direttamente sui ravanelli, ma utilizzare un terreno già concimato nella coltura precedente. Inoltre è bene non eccedere con le concimazioni azotate di tipo chimico. Non occorrono rilevanti operazioni, se si escludono irrigazioni regolari e leggere sarchiature.

Trapianto: In genere non si effettua alcun tipo di trapianto.

Raccolta: I ravanelli si possono raccogliere scalarmente a seconda delle esigenze di consumo, tenendo presente che con l’aumentare delle dimensioni cresce anche il rischio di spaccature della radice, ed in genere il sapore viene compromesso. La raccolta va preferibilmente effettuata con luna crescente.