LE AROMATICHE

Un angolo del balcone o del giardino dedicato alle aromatiche permette di avere a disposizione aromi per la cucina, ma anche di godere di belle fioriture e gradevoli colorazioni del fogliame.

Facili da coltivare Si tratta di specie rustiche:
non richiedono particolari cure e sono resistenti sia a caldo e freddo sia alle malattie.
Per coltivarle scegliete un angolo luminoso e riparato da correnti d’aria.
Raggruppate insieme specie con medesime necessità di acqua e luce. Piuttosto formate due gruppi, uno con aromi che amano il sole e un altro con quelli che prediligono l’ombra.
Il terreno deve consentire un buono scolo dell’acqua: un’eccessiva umidità, oltre ad agevolare lo sviluppo di malattie fungine, può compromettere le proprietà aromatiche.
Mantenete il terreno libero da erbacce, zappettando spesso la superficie per arieggiarlo.
Periodicamente ripulite le piante da rami secchi, foglie morte e fiori appassiti. A fine stagione, eliminate la vegetazione vecchia o morta.
In primavera eseguite una leggera concimazione con fertilizzante organico.

La conservazione Per il consumo fresco

raccogliete le parti secondo necessità, senza precauzioni particolari. Se invece desiderate essiccare le erbe per conservarle, evitate di raccoglierle umide; non lavatele in acqua, ma per pulirle strofinatele delicatamente con un panno. Per essiccarle appendetele in mazzi in locali ombrosi, ventilati e asciutti nei quali vi sia una temperatura costante di 20-30 °C.
Quando la pianta è completamente seccata potrete separare le foglie e i fiori dai rami, conservandoli poi in barattoli a chiusura ermetica.

Aromi più profumati

Ciascuna specie aromatica è caratterizzata da un particolare tempo balsamico, un periodo cioè in cui è maggiore il suo contenuto di oli e principi essenziali. Giugno è il mese di borragine, erba cipollina, rosmarino, salvia e timo; luglio di melissa e menta; agosto di cerfoglio, coriandolo, maggiorana, origano e santoreggia; settembre dell’aneto; novembre dell’alloro. Per le erbe destinate alla conservazione, conviene sempre effettuare la raccolta durante il tempo balsamico.