ALTRI RIMEDI CON IL MIELE

Rimedio antinfluenzale Si tratta di una ricetta proveniente dall’Asia e molto popolare in America, si conserva in frigo per essere utilizzata all’occorrenza come rimedio istantaneo, sia curativo che preventivo. Lo zenzero e il limone sono rimedi ricchi di vitamine sostanze digestive e antibatteriche; il miele grande alleato della nostra gola lenisce tosse, catarro e problemi …

Leggi TuttoALTRI RIMEDI CON IL MIELE

DIETA DEL MIELE DI MIKE MC INNES

 La dieta del miele è un regime alimentare che si basa sul presunto effetto dimagrante del miele, da sostituire a tutti gli zuccheri raffinati nel contesto di una dieta poco restrittiva.  Secondo il nutrizionista Mike McInnes, ideatore del sistema, l’effetto dimagrante del miele sarebbe una conseguenza del suo impatto metabolico e psicologico. Egli ritiene che il miele possa agire su due …

Leggi TuttoDIETA DEL MIELE DI MIKE MC INNES

PADRE ROMANO ZAGO

Aloe e miele accoppiata vincente Tra le ricette che vedono esaltati i maggiori benefici del miele spicca quella tramandata da Padre Romano Zago rimedio utile per svariate e gravi patologie. La ricetta di Padre Romano Zago è molto semplice da preparare. Non è altro che un semplice frullato composto da tre ingredienti: Aloe Arborescens, miele e grappa. Gli ingredienti Gli ingredienti necessari per …

Leggi TuttoPADRE ROMANO ZAGO

IL MIELE COME RIMEDIO

L’uso terapeutico del miele affonda le radici nell’antica civiltà conosciute. Oggi la riscoperta del miele non deriva solo da un ritorno in auge delle medicine naturali, ma è partita dalla stessa medicina ufficiale nel momento in cui incontrava dei limiti, in particolare per la capacità di cura delle ferite. Ferite, ustioni e ulcere Questo è …

Leggi TuttoIL MIELE COME RIMEDIO

IL VELENO

Il veleno d’ape è prodotto da specifiche ghiandole delle api di sesso femminile, collegate a una sacca contenitrice e a un pungiglione: le api operaie ne sono dotate per difendere l’alveare, attaccando eventuali aggressori. La regina invece, per uccidere le rivali: ogni alveare può avere infatti una sola regina, e quando nascono più regine nello stesso …

Leggi TuttoIL VELENO

ALTRI USI DELLA CERA

Circa nel 700 avanti Cristo, Omero, nel libro XII dell’Odissea,  fa riferimento alla malleabilità della cera quando Ulisse la usa per turare le orecchie dei suoi compagni di viaggio, perché non abbiano essere distratti, durante la navigazione, dal canto delle sirene. Dice Ulisse nel poema omerico: “con un’ affilata lama di bronzo avevo tagliato un disco …

Leggi TuttoALTRI USI DELLA CERA

LA CERA

Mentre molti insetti costruiscono i loro nidi utilizzando materiali raccolti nell’ambiente (come fibre vegetali, fango, intonaci), le api producono da sole il loro materiale da costruzione: la cera. Con essa costruiscono le strutture interne all’alveare: i favi, formati da celle esagonali che serviranno sia allo sviluppo delle api dall’uovo all’adulto, sia ad immagazzinare il polline e il …

Leggi TuttoLA CERA

LA PROPOLI

La propoli è costituita essenzialmente da una miscela di composti di natura aromatica e fenolica arricchita da numerose sostanze molto eterogenee tra loro (acidi grassi, terpeni, aminoacidi, vitamine, sali minerali ecc.) la cui distribuzione percentuale è molto variabile in funzione delle stagioni, del tipo di vegetazione. Questa notevole diversità della composizione della propoli rappresenta una delle …

Leggi TuttoLA PROPOLI

PAPPA REALE

La pappa o gelatina reale è un prodotto di origine animale, secreto esclusivamente dalle api operaie nutrici, quindi in età compresa tra il 5° e il 14° giorno di vita adulta, come secrezione di alcune ghiandole poste sul loro capo. Si tratta di una sostanza di natura proteica, di color giallo chiaro, dall’odore caratteristico e di sapore acidulo-zuccherino, …

Leggi TuttoPAPPA REALE

IL POLLINE

Il polline, infatti, è uno degli ingredienti della dieta delle api. Costituito dalle cellule germinali maschili delle piante (le spermatofite), si presenta come una polvere fine di colore giallo o marrone chiaro. Le api operaie, viaggiando di fiore in fiore, raccolgono il polline in speciali “ceste” poste sulle loro zampette. Alcuni pollini sono leggeri, asciutti, e destinati a …

Leggi TuttoIL POLLINE

DIFETTI DEL MIELE

Cristallizzazione incompleta: Il miele si presenta disomogeneo, con una fase liquida, in cui sono inglobati cristalli, in genere molto grossolani o aggregati addossati alle pareti e al fondo. Ciò di solito si manifesta in miele carenti di uno o più fattori predisponenti alla cristallizzazione ad es. in mieli con poco glucosio, invasettati subito dopo la …

Leggi TuttoDIFETTI DEL MIELE

IL MIELE

Il miele è la sostanza alimentare che le api producono partendo dal nettare dei fiori o dalle secrezioni di parti vive di piante, che esse raccolgono, trasformano, combinano con sostanze proprie e depongono nei loro favi. Avvengono numerosi scambi da un’ape all’altra, all’interno dell’alveare, che consentono una graduale maturazione ed arricchimento di enzimi che derivano …

Leggi TuttoIL MIELE

MIELE DI MELATA

Il miele di melata è caratterizzato da un colore più scuro rispetto al miele di nettare. Il sapore è leggermente più aspro, la cristallizzazione è più lenta, eccetto il caso della manna che, cristallizza subito nel favo. Nella melata il contenuto in glucosio è minore rispetto al miele di nettare. Nel miele da melata non …

Leggi TuttoMIELE DI MELATA

MELATA

LA MELATA La melata è una sostanza zuccherina prodotta da colonie di insetti, sottratta alle piante mediante il loro apparato boccale pungente-succhiante infisso sotto la corteccia. È una secrezione vischiosa, contenente pectine, zuccherina, che imbratta la vegetazione in prossimità nelle colonie di questi parassiti della pianta. Appena prodotta è trasparente, incolore, successivamente assume una colorazione …

Leggi TuttoMELATA

MATERIE PRIME PER LA PRODUZIONE DEL MIELE

Le sostanze dalle quali le api ricavano il miele sono il nettare e la melata. Il miele viene definito come il prodotto dell’alveare derivato dal nettare, dalla melata e da ogni altra sostanza zuccherina raccolta sulle piante, arricchito di sostanze provenienti dal corpo dell’ape, trasformato, deposto nei favi e lasciato maturare. IL NETTARE Il nettare …

Leggi TuttoMATERIE PRIME PER LA PRODUZIONE DEL MIELE

LA SCIAMATURA

Lo sciame è il risultato della divisione della colonia al massimo del suo sviluppo, in un periodo di andamento stagionale propizio sia per il clima sia per le possibilità del cibo disponibile. La sciamatura è quindi un fenomeno insito nel ciclo vitale annuo della società dell’alveare. Ogni sciame è composto da un gruppo più o …

Leggi TuttoLA SCIAMATURA

CICLO BIOLOGICO DELL'APE

L’ape depone le uova nelle cellette dei favi del nido: un uovo per ogni celletta. Vi sono uova fecondate e uova non fecondate: dalle uova fecondate nascono larvette che crescendo diventano api operaie oppure api regine a seconda del tipo di alimentazione. Dalle uova non fecondate nascono larvette che crescendo diventano fuchi.